Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 11/12/2019 - 14:56

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

BALDAZZI Giovanni
Elettricista, rappresentante di commercio.

Sesto Imolese frazione di Imola (BO), 1.04.1883 da Luigi e Agata Gadoni - Si ignorano data e luogo di morte.

Iscritto alla propria lega di mestiere e fervente fautore dell'azione diretta, nel febbraio 1903 lancia la proposta di un referendum tra gli operai per un giorno di sciopero generale per le 8 ore. Nel settembre 1903 partecipa alle manifestazioni per l'inaugurazione del monumento dei caduti dell'8.08.1848 e colleziona i suoi primi 8 giorni di carcere. Collabora a Il Grido della folla. Nel febbraio 1907 lascia Bologna per Londra dove lavora come cameriere. Nell'agosto dello stesso anno risulta a Parigi, dove viene condannato nel 1910 a 3 anni di carcere per contraffazione di francobolli falsi, poi espulso nel 1912. Rientra in Italia, a Milano, su posizioni sindacaliste libertarie.
Si sottrae alla sorveglianza poliziesca a fine 1913, e nell'aprile 1914 viene rintracciato a Basilea, da dove collabora a L'Utopia di B. Mussolini.
Nell'agosto 1914 rientra brevemente a Bologna, poi si reca a New York, impiegato nella redazione di Il Proletario. Si trasferisce a Filadelfia, organizzando sottoscrizioni al periodico dell'USI Guerra di classe. Arrestato due volte nel 1917 per istigazione alla rivolta come propagandista degli IWW, viene poi condannato a 10 anni di reclusione per "atti contrari agli interessi degli Alleati ed al proseguimento della guerra". In libertà provvisoria nel 1919, viene espulso dagli USA nel 1922 e rimpatriato. Stabilitosi a Roma da giugno 1923 a dicembre 1930 è alle dipendenze dell'Opera Nazionale Dopolavoro e per qualche tempo redattore della rivista fascista La Stirpe.



FONTI: DBAI


CRONOLOGIA: