Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 22/11/2020 - 19:28

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

ZULIANI Ausonio (Antonio)

Fabbro



Serrurier



Schio (Vicenza) 29.03.1882 - Lecco (LC) 11.02.1966
Sposato con Clorinda Mazza. Una figlia Margherita, nata nel febbraio 1916.

"Nato in una famiglia poverissima (era l'ultimo di 17 fratelli), trascorre a Schio l'infanzia e l'adolescenza, lavorando come operaio tessile in una delle tante aziende del settore presenti nella zona. Nei dintorni di Schio sono infatti ambientati i primi due atti del suo dramma "Tempeste sociali" scritto a sostegno di Masetti" (la nipote Clara Tacchi).

Da tempo residente a Wädenswil ZH (almeno dal 1904). Collaboratore del Risveglio anarchico di Ginevra, viene arrestato il 6 giugno 1913 per un volantino o opuscolo o manifesto "29 luglio" pubblicato l'anno precedente -, e inviato come denuncia anonima alla polizia (manifesto che sostiene l'atto di Bresci per l'uccisione del re Umberto I) e per un volantino per un incontro antimilitarista. Ma molto sicuramente la causa principale dell'espulsione fu la sua attività nel movimento operaio locale, in particolare in quanto animatore del boicottaggio (o sciopero?) nel 1913 in una fabbrica tessile in cui lavorava la sua compagna.
Detenuto a Zurigo, viene poi espulso dalla Svizzera per apologia di reato con Decreto del Consiglio federale del 24 giugno 1913. Parte per Parigi l'8 luglio 1913. I compagni in Svizzera non mancheranno di dargli un contributo (per es. vedi Le Réveil anarchiste,  5.9.1914).

Il suo dramma "Tempeste sociali" in tre atti venne presentato a Zurigo (Risv. 10.1.1914) in favore dell'anarchico Masetti i primi due atti, mentre l'azione del terzo atto si svolge nel reclusorio di Volterra.
"Il dramma conobbe in seguito altre due edizioni, nel 1915 e nel 1921, segno evidente di un grande interesse. [...] Rientra in Italia nel corso della guerra, probabilmente a Valdagno (VI) dove nacque nel febbraio 1916 la sua unica figlia, Margherita Zuliani, poi sarà a Bergamo e nel 1925 si trasferisce con la famiglia a Lecco, dove trova lavoro come insegnante di materie tecnico-pratiche nella Scuola A. Stoppani e di Disegno tecnico presso una scuola serale".

Persona molto apprezzata, "partecipa attivamente alla vita collettiva di Lecco come giornalista, fotografo e appassionato alpinista. Scalò in più riprese le vette delle montagne lecchesi (Grigna, Resegone), cimentandosi però anche in escursioni più impegnative (Cervino, Bernina). Pubblicò numerosi articoli riguardanti le sue ascensioni nelle riviste del CAI e del TCI e su settimanali locali (Il Resegone, il Prealpino). Furono pubblicate anche molte sue fotografie, aventi per oggetto le montagne, soprattutto lecchesi. Alcune di esse sono state recentamente esposte in due mostre allestiite a Lecco" (info della nipote Clara Tacchi).



Tratto da Il Risveglio anarchico di Ginevra, 29.6.1913, a firma Alcuni operai:

"Venerdì 6 corrente venne arrestato l'operaio A. Zuliani sotto l'imputazine di propaganda anarchica. Si prese a pretesto un manifesto da lui poligrafato e distribuito il 29 luglio dello scorso anno, più l'originale d'un semplice invito ad una conferenza antimilitarista, originale che, dimenticato dal tipografo di Zurigo all'ufficio postale, andò a finire alla caserma di polizia. Questa la versione ufficiale.
Ma poiché la compagna del Zuliani, pure imputata di propaganda anarchica sul lavoro, dovette subire una perquisizione in casa sua ed un interrogatorio a Zurigo, è facile arguire che in questa odiosa faccenda c'entra la Direzione dell'opificio in cui essa lavora. Ecco per ora quanto siamo in grado dire.
Tra il personale dello Stabilimento di Tessitura AG di Wädenswil, composto in gran parte d'italiani [....] serpeggia da parecchi anni un malcontento più che giustificato  dalla prepotenza dei capi e dalla cattive paghe. Tutti i tentativi fatti dalla locale sezione Arti Tessili per riunire gli operai ed addestrali alla lotta riuscirono vani. Invero, la gran parte degli operai di questa località ama meglio denigrasi e farsi la spia a vicenda, che non il procurarsi un po' di istruzione ed alzare il capo alla luce delle nuove idealità sociali.
Nel febbraio scorso, in una riunione abbastanza numerosa, venne lanciata l'idea del boicottaggio contro la fabbrica,e ciò per scuotere l'apatia operaia e come principio di agitazione, intesa a fiaccare la resistenza padronale, che contava sulla esuberanza della mano d'opera. Si pubblicarono parecchie centinaia di manfiesti, che vennero spediti nei centri lanieri, e si fecero inserire appositi comunicati. L'effetto fu dei migliori; basti dire che in 4 mesi solo due ardirono a fare i crumiri, ma dopo un giorno dovettero abbandonare il lavoro; altri appena giunti preferirono ripartire. Nel frattempo le riunioni e le conferenze si ripetevano [...], vennero banditi i pettegolezzi e spianate le divergenze politiche; nella lotta non ci sono né socialisti né anarchici, ma bensì dei ribelli contro il comune nemico [...].
L'anima del movimento era l'amico Zuliani, bisognava dunque colpire lui, ciò che evidentemente fu fatto. La polizia era in possesso del manifesto "29 luglio", che una vilissima spia le fece pervenire l'anno scorso, con a tergo una denunzia anonima. Da qui l'arresto e, lo prevediamo l'espulsione [...].
Egli si trova da venti giorni nelle carceri di Zurigo, sorvegliato... come un bandito. Ci venne riferito che dovette sottoporsi alla "misurazione antropometrica" . Se questo è vero, è il colmo della viltà e del grottesco".

(nota della redazione de Il Risveglio [prob. Luigi Bertoni]: "Se questo è vero... Oh ingenui compagni, più che vero! Il contrario solo mi stupirebbe, avendo dovuto subire due volte la misurazione!)".


FONTI:

GB // Gazette de Lausanne 28.6.1913 per l'espulsione - decreto del 24.6.1913 per apologia di reato commesso il 29.71912 / Risveglio anarchico suo art. 9.10.1909 e 20.07.1912, 15.3.13 invito per il Convegno degli anarchici italiani in Svizzera / per l'espulsione: Risv. 15.6.13, 29.6.13, 12.7.2013, 26.7.13 - 10.1.1914 / Caisse de secours aux victimes politiques in suo favore vedi Réveil anarchiste del 5.9.1914 / info della nipote Clara Tacchi, in particolare dal rientro in Italia, precisazioni data nascita e decesso, ecc. del 8-9-10-12.05.2019 / Archivio federale Berna: E4320B#1974/47#234*, Zuliani Ausonio, nato nel 1882,  non visionato! / numerosi articoli suoi sul Risveglio, in part. dal 1909 al 1912 /




CRONOLOGIA: