Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 11/12/2019 - 14:56

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

BONOMETTI Ettore Luigi
Calzolaio.

Brescia 22.11.1872 da Giovanni e Emilia Pasinetti – Brescia 22.3.1961

Per evitare la pena di 18 mesi di domicilio coatto da scontare nelle isole Tremiti (a causa dell'appoggio ai moti di Sicilia e Lunigiana), si rifugia a Lugano /TI il 23.10.1894, da dove verrà espulso dalla Svizzera con il fratello Riccardo, Gori e compagni il 29.1.1895.
Si reca in Germania, infine in Inghilterra con Gori, Baracchi e Redaelli. A Londra nell'estate 1896 partecipa in rappresentanza del Circolo bresciano "La Comune" al Congresso socialista internazionale. Dopo il rientro in Italia, è attivo nel corso dei moti del 1898 che, avendo il loro epicentro a Milano, si diffondono anche a Brescia. Tutto questo lo costringe a un nuovo periodo d'esilio (???), destinato a concludersi all'inizio del nuovo secolo .
La cacciata da Lugano e più in generale l'esperienza dell'esilio gli permettono comunque di consolidare contatti e relazioni con esponenenti anarchici di primo piano, tra cui Gori e Malatesta. Impegnato sindacalmente nell'estate 1920 partecipa anche al Congresso dell'UAI di Bologna. Alla fine degli anni Venti le autorità lo assegnano al confino, provvedimento poi sospeso a causa del suo cattivo stato di salute. Nel 1937 è nuovamente arrestato. Nel 1944 l'appoggio alla resistenza gli frutta un nuovo arresto, esteso a tutto il nucleo famigliare. Nel 1945 è tra i promotori della rinascita del Gruppo anarchico bresciano.
Muore per le conseguenze di un incidente stradale.

FONTI: DBAI / GB /


CRONOLOGIA: