Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 18/09/2020 - 09:37

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

CONCORDIA Tommaso-Giuseppe (MASSAINI Carlo)
Calzolaio, rappresentante di commercio.

Asigliano Vercellese (VC) 18.6.1877 da Luigi e Maria Rossigni - Si ignorano data e luogo di morte.

"Originale rappresentante del tolstoismo anarchico in Italia... tipico prodotto di cultura autodidattica e di evangelismo libertario" (Pier Carlo Masini, "Storia degli anarchici italiani 2"), collabora con vari pseudonimi (Iconoclasta, Internazionalista) a numerose testate italiane e francesi, ed è autore di svariati opuscoli di propaganda.
Nel 1897 emigra in Francia, spostandosi in Svizzera nel 1900, dove è espulso e rimpatriato perché privo di mezzi di sussistenza.
Si stabilisce a Nizza, espulso nel 1903, poi rimpatriato nel suo paese di origine, l'anno seguente è a Torino, a Biella. Lo stesso anno prende parte ai disordini avvenuti in Adorno in occasione dello sciopero generale. Condannato a Torino nel 1905 a 6 mesi "per incitamento all'odio di classe", l'anno seguente a 7 mesi per la stessa imputazione dal Tribunale di Livorno.

Nel 1907 si trasferisce a Zurigo e in seguito a Parigi, nel 1908 ad Avignone. Nel 1910 è nuovamente in Svizzera, in Francia e in diverse località del Piemonte. Nel 1911 ancora una volta viene espulso e rimpatriato dalla Svizzera (decreto di espulsione dell'11.8.1911).

Si stabilisce a Genova, e l'anno dopo è a Parigi. Nel 1913 è condannato dapprima a 5 mesi e poi ad altri 4 dal Tribunale di Bologna per articoli pubblicati su L'Agitatore. Nel 1914 espulso dalla Francia, sotto falso nome di Carlo Massaini, si trasferisce a San Sebastian (Spagna), dove nel 1915 viene arrestato e tradotto in Italia. Si stabilisce a Vercelli, poi a Torino, nel 1925 a Oneglia. Nel '29 è irreperibile.
Nel 1940 rintracciato a Taggia e confinato per 2 anni "per attività anarchica" e "pericoloso alla sicurezza pubblica". Liberato nel 1942 ritorna a Taggia.

FONTI: GB // DBAI // Masini, "Storia degli anarchici italiani "// decreto di espulsione dell'11.8.1911 //


CRONOLOGIA: