Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 18/09/2020 - 21:04

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

COMASCHI Carlo
Gussola (MN) 27.11.1878 da Temistocle e Irma Podestà – Cremona 17.3.1923

Nel 1901 è tra i promotori del Circolo socialista di Gussola e della Lega di resistenza tra i contadini, di cui diventa segretario, distinguendosi durante gli scioperi agricoli del marzo e del giugno 1901. Eletto consigliere comunale di Gussola nel 1902, si dimette nel 1903, scrivendo di essere "anarchico per studi fatti, per convinzione di idee". Una pubblica conferenza tenuta il Primo maggio a Pieve d'Olmi gli procura una condanna a 2 mesi e 15 giorni. Scarcerato nel giugno 1904 si stabilisce a Cremona come scrivano.
Nel settembre 1904, nelle giornate dello sciopero generale nazionale, viene accusato di essersi posto alla testa degli scioperanti e di aver assaltato la Mostra zootecnica. Incriminato per incendio, danneggiamenti e violenze, ripara a Lugano /TI ma viene arrestato in ottobre e consegnato alle autorità italiane; poi assolto per mancanza di prove.
Nel maggio 1905 emigra negli USA, ritorna a Gussola nel 1908. Nuovamente accusato per degli stampati "Contro Dio e contro la Chiesa". Segretario della Lega socialista anarchica di Gussola e dell'Unione sindacale cremonese. Nel corso della guerra ridiventa socialista. Nel dicembre 1922 viene gravemente ferito a martellate da due fascisti a Gussola e più tardi muore a seguito dei postumi dell'aggressione.

FONTI: DBAI


CRONOLOGIA: