Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 18/09/2020 - 21:04

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

CHIOCCHIA Pasquale (detto il Biondino)

Falegname




Torino 7.4.1901 (o 1891?) da Pietro e Maria Fornasiero - Torino 5.9.1981.

Espatriato clandestinamente in Francia nel 1930 per sottrarsi al processo promosso dal Tribunale Speciale per la Difesa dello Stato -  in quanto tra i militanti della ricostituzione del Partito Comunista d'Italia - vive per brevi periodi a Nizza e Lione, prima di passare in Svizzera, ancora per breve periodo. Tornato in Francia, ne viene espulso nel 1933 (senza documenti e con precedente decreto di espulsione) e ritorna ancora in Svizzera. Nel 1935 viene arrestato a Basilea /BS, mentre distribuisce volantini antifascisti.
Miliziano in Spagna dall'ottobre 1936, è sul fronte di Aragona con un gruppo di medici e operatori sanitari svizzeri. Lavora nel settore della Colonna Ascaso, Sezione Italiana, poi a Grañen (Huesca), con l'Autoambulanza svizzera.
Dal luglio 1937 passa con tutta la struttura sanitaria alla 12esima Brigata Internazionale "Garibaldi". Nominato "alferez" (sotto-tenente) all'Ospedale divisionale della 45esima Division de l'Ejercito de Tierra, fa ritorno in Svizzera nell'agosto 1938.
All'inizio del 1943 risiede ancora Basilea; tenta di tornare in Italia dopo la caduta di Mussolini (luglio '43), ma ne viene impedito dalle autorità elvetiche. Vi ritornerà dopo la Liberazione.
Si sposa a Torino con Anna Failla il 27.7.1946.

 

 

 


FONTI:

GB // Ulmi-HUber //  info di Gianpaolo Giordana (Archivio AICVAS-Milano -  Archivio INSMLI, Milano -  Archivio Centrale dello Stato, Roma, Cas. politico, busta 1306, fascicolo 55076 -  Archivio dello Stato civile di Torino - Archivio privato Tobia Imperato, Torino ) //




CRONOLOGIA: