Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 22/09/2020 - 16:09

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

CASTELLARI Antonio
Calzolaio, muratore, amministratore

Imola (BO) 12.2.1856 da Angelo e Teresa Giacometti – Imola 1.1.1925

A 18 anni partecipa al moto insurrezionale dell'8 agosto 1874 facendo parte della colonna imolese guidata da Antonio Cornacchia: catturato subisce 2 anni di carcere preventivo. È tra i delegati del II Congresso della Federazione italiana dell'Internazionale dell'ottobre 1876 (congresso clandestino). Per sottrarsi alla continua sorveglianza a fine 1878 si reca a Roma, ma viene fatto rientrare a Imola con foglio di via obbligatorio, denunciato nel gennaio 1879 e condannato il 10 marzo a 3 mesi di carcere e a 6 di sorveglianza speciale per aver contravvenuto all'ammonizione.
Ma, fra la denuncia del gennaio 1879 e la condanna del  marzo a 3 mesi di carcere, ecc. risulta a Ginevra; poi si costituisce spontaneamente il 27 marzo.
Nell'aprile è condannato al domicilio coatto per 2 anni e tradotto a Lipari. Rientra a Imola nel 1881, aderisce al Circolo "I figli del lavoro", organizzazione che unisce le varie correnti del movimento operaio locale. Nel novembre 1888 fonda con anarchici e operaisti un Comitato elettorale-operaio, presentandosi personalmente alle elezioni comunali con lo scopo di propagandare, tramite candidatura di protesta, l'inutilità della partecipazione a qualsiasi istituzione. Eletto si dimette. Nell'ottobre 1890 è tra i fondatori, in rappresentanza degli anarchici imolesi, della Federazione romagnola della Lega d'Azione socialista rivoluzionaria internazionale.
Nel gennaio 1891 partecipa al Congresso di Capolago /TI.
Continua la sua attività sindacale e nel movimento anarchico, fin quando tra il 1898 e il 1901 si iscrive al Partito socialista, rimanendovi iscritto fino alla morte (continuamente sorvegliato).


FONTI: DBAI


CRONOLOGIA: