Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 19/09/2020 - 21:05

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

CONTINI Giuseppe

"Un matto?
Venerdì sera si presentava al nostro Ufficio commissariale un individuo il quale dichiarava che faceva parte di un gruppo di anarchici i quali avevano complottato nientemeno che l'assassinio del presidente della Confederazione svizzera. La sorte avendo designato lui come esecutore di questa decisione, all'ultimo momento si era sentito mancare il coraggio, e siccore temeva la vendetta dai suoi compagni veniva a mettersi sotto la protezione dell'autorità [...]." 
(Gazzetta Ticinese).

"L'inventore del famoso complotto.
Il Contini Giuseppe, inventore del noto complotto anarchico per uccidere il presidente della Confederazione e la principessa Mafalda, fu condannato a 6 anni di bagno penale a Nivida, per furto qualificato. Dopo la sua liberazione, fu accompagnato dai carabinieri al suo proprio paese natio di Germonie (Como), ove rimaneva sotto sorveglianza del sindaco.
Avendo potuto ottenere da questo ultimo un permesso per assenza, si recò a Varese, qui trovatosi affatto privo di mezzi, si portò a Lugano, ove narrò al Commissario Scerri la nota storia del complotto per estorcere del denaro alla polizia. Il Contini, dopo espiata la meritata punizione per falsa denuncia, verrà espulso dal Cantone." (Gazzetta Ticinese).

FONTI:
GB - Gazzetta ticinese, 16.11.1903 e 23.11.1903 //