Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 11/12/2019 - 14:56

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

BINAZZI Pasquale
Operaio, commesso viaggiatore, pubblicista

La Spezia 12.6.1873 da Leopoldo e Clorinda Dané – 5.3.1944

Conosce Gori nel 1891, collabora alla redazione dei giornali anarchici locali L'Operaio, I Raggi, La Luce. Il 16.1.1894 si unisce alla banda armata composta da 200 uomini che ha preso il contrllo della Piana di Avenza, ma il 20 già la truppa riprende inmano la situazione e la banda si disperde nelle campagne. Viene licenziato dall'Arsenale e fugge il 22.1.1894 a Milano, poi a Lugano /TI per sottrarsi alle ricerche di polizia. Qui, grazie all’interessamento del compagno Isaia Pacini riesce ad impiegarsi come commesso viaggiatore. Anche in Svizzera partecipa attivamente alle riunioni dei suoi compagni di fede e più volte viene notato in compagnia “dell’altro pericoloso Gio Batta Castellani di Venezia”. A marzo 1894, proprio durante una conferenza anarchica in un teatro di Lugano, in seguito a disordini provocati al suo interno, viene arrestato e dopo 15 giorni di prigione espulso e consegnato alle autorità italiane (arrestato poi liberato).
Sempre attivo, nel gennaio 1895 per effetto delle leggi eccezionali volute da Crispi, viene condannato a 3 anni di "coattiva dimora" da scontare nelle Tremiti

(... Per la sua intensa attività in Italia, e fino alla morte, vedi DBAI)


FONTI: DBAI


CRONOLOGIA: