Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 11/01/2020 - 15:11

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

BIANCONI Marcello

Meccanico




Bologna 30.12.1898 da Alfonso e Aldina Argia - Genova 13.9.1959.
Sposato con Pierina Coda.

Aggredito più volte dai fascisti alla fine del 1924 espatria clandestinamente in Francia, dove entra in contatto con il gruppo anarchico Sacco  e Vanzetti. Espulso per la sua attività viene arrestato il 4 novembre 1931 perché contravventore all'obbligo.
In seguito si trasferisce in Belgio, dove viene segnalato nel 1934 come diffusore del Risveglio anarchico di Ginevra. Nel 1935 nuovamente in Francia partecipando al Convegno d'Intesa degli anarchici italiani emigrati in Europa. Nel dicembre 1936 accorre in Spagna, e figura come miliziano partente il 23 gennaio 1937 per il fronte Huesca nella Sezione Italiana della Colonna Ascaso, poi combatte nella divisione Garibaldi. Dopo i fatti di maggio 1937, disgustato dalla repressione stalinista, ritorna in Belgio. Nel marzo 1940 parte dal Belgio e si trasferisce in Germania. Il 21 marzo 1942 viene arrestato dalla polizia tedesca ed espulso, consegnato alla polizia italiana: verrà condannato a 4 anni a Ventotene. Ritornato a Genova nel 1943 si collega con gli altri compagni nella lotta partigiana. Dopo il crollo del fascismo è attivo sia nei comitati di difesa sindacale nelle ferrovie sia nella FAI.

 


FONTI:

GB // DBAI // Cuartel Espartaco, Barcelona - Milicias Antifascistas Columna Ascaso, Grupo Italiano, Barcelona 22.1.1937 //




CRONOLOGIA: