Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 18/09/2020 - 21:04

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

CLERICO Luigi
Orologiaio, decoratore


Bienne /BE, il 18.2.1903 -

Nasce da una famiglia di emigranti, ed è segnalato dai consolati di Berna e di Marsiglia per aver svolto “intensa propaganda sovversiva”. Nel 1923, assieme ad un altro anarchico, imbratta di rosso il monumento ai caduti di Bienne.

Nel 1927 è espulso dalla Svizzera, arrestato a Domodossola, perché renitente alla leva, e tradotto a Vercelli. Nello stesso anno si trasferisce prima a Biella e in seguito a Torino dove si rende irreperibile ed è arrestato nell’aprile dell’anno seguente. Accusato di “propaganda sovversiva all’estero”, è inviato al confino per 5 anni “quale elemento pericoloso all’ordine nazionale dello Stato e moralmente nocivo” (Lipari). Nel 1930 è denunciato al Tribunale Speciale per aver scritto delle lettere dirette in Svizzera con “offese a S. E. il Capo del Governo”, ma il PM archivia il caso; nel 1932 sconta due condanne di 3 mesi ciascuna per contravvenzione agli obblighi. Liberato nel 1933, essendo renitente alla leva, è accompagnato in caserma per fare il servizio militare in una “Compagnia di correzione”; l’anno successivo è arrestato per insubordinazione. Congedato nel 1935, si stabilisce prima a Biella e poi a Graglia; nel 1938 sconta 6 mesi di carcere per “lesioni”. Nel 1940 si rende irreperibile.


FONTI:

Scheda curata da Tobia Imperato.
Cfr. ACS, CPC, busta n. 1380. ACS, Confino Politico Fascicoli Personali, busta n. 260. A. Dal Pont - S. Carolini, a cura di, L’Italia al confino - Le ordinanze di assegnazione al confino emesse dalle Commissioni Provinciali dal novembre 1926 al luglio 1943, Ed. La Pietra, Milano, 1983, Vol. I, p. 140 (Commissione di Vercelli). A. Dal Pont, coordinatore, Antifascisti nel Casellario Politico Centrale, Ed. ANPPIA (Associazione Nazionale Perseguitati Politici Italiani Antifascisti), Vol. VI, ad nomen. P. Ambrosio, “Vercellesi, biellesi e valsesiani confinati nel ventennio fascista”, L’Impegno, a. XII, n. 2, agosto 1992, Vercelli.



CRONOLOGIA: