Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 11/01/2020 - 15:11

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

BELLETTI Arturo

Legatore, operaio.



Urbino 6.4.1873 da Raffaele e Maddalena Rossi – Mombello, agosto 1930.

Vive ad Ancona e negli ultimi mesi del 1900 è gerente de L'Agitazione. A causa di alcuni articoli pubblicati dal settimanale libertario, viene più volte condannato per eccitamento all'odio di classe e diffamazione, totalizzando 4 1/2 anni di carcere, per sfuggire ai quali si stabilisce a Lugano /TI dal 1901 al 1913, lavorando inizialmente come operaio presso la Birreria Sailer e Cie di Calprino /TI. Nel 1903 assiste a un dibattito di Luigi Bertoni nella sala di ginnastica concessa dal Municipio di Lugano.

Nel 1913 viene espulso per reati comuni e rimpatriato con foglio di via obbligatorio.


Poco dopo assume la gerenza di Volontà. Nel gennaio 1914 deve comparire davanti al giudice assieme a Malatesta per rispondere all'accusa di reato di stampa.
Prende parte alla Settimana rossa, poi si rifugia a Ginevra GE nella primavera 1915, mentre la Corte di assisi di Ancona lo condanna a tre mesi e mezzo di carcere. Arrestato dalla polizia svizzera nel dicembre 1915, Luigi Bertoni gli procura un avvocato, e Belletti è rimesso in libertà “non avendo il R. Governo fatta domanda di estradizione”. Considerato disertore pericoloso dalle autorità elvetiche nel 1918 è rinchiuso a Vand (?).

In seguito rientra in Italia e si stabilisce a Milano.

 


FONTI:

GB // DBAI // Lista anarchici residenti in Ticino, 1902 // Willy Gianinazzi "Intellettuali in bilico" Ed. Unicopoli 1996 //




CRONOLOGIA: