Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 22/11/2020 - 19:28

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

ZANARDELLI Tito

Tito Zanardelli: Italian anarchist - Biography and Life

VIttorio Veneto 1848 -

Nel 1871 passa all'internazionalismo e fa parte della redazione del quotidiano napolitano Il motto d'ordine. Con emilio Castellani, Pietro Magri fonda nell'agosto 1872 la sezione veneziana dell'Internazionale. In seguito partecipa con Carlo Cafiero e Carlo Gambuzzi nella redazione del periodico internazionalista La Campana. Tra il 1872 e il 1874 è uno dei principali animatori della Federazione italiana e si allea con Osvaldo Gnocchi Viani, con il quale passerà poi al socialismo legalitario.
Nel 1874 emigra a Lugano/TI dove lavora con Ludovico Nabruzzi. Con questi forma La Sezione del Ceresio, e pubblica L'Agitatore stampato a Lugano (20.8.1875-20.10.1875, 5 Ni) su posizioni in contrasto con la FG. Poco dopo sempre con Nabruzzi pubblica L'Almanacco del proletario del 1876 con Malon e Jospeh Favre, dove nella storia dell'Internazionale, riconoscono "gli errori commessi" e attaccano Michel Bakunin.
Viene arrestato a Parigi il 22.3.1878 con Costa e la Kuliscioff.
Collabora anche a periodici rivoluzionari francesi come a La Persévérance (1880) e a La Justice sociale (1881).

Nel 1881 partecipò al congresso socialista dell'Alta Italia organizzato a Chiasso da Carlo Cafiero. Di fronte ad accuse di connivenza con la polizia, si allontanò dalla politica e si trasferì a Bruxelles dove si dedicò a studi di filologia.


FONTI:

GB




CRONOLOGIA: