Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 11/09/2019 - 17:28

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

RUSCONI Guido
fruttivendolo - muratore


Trescore Balneario (Bergamo) 12.10.1887 da Giuseppe e Adele Pecis - Zurigo dicembre 1944 (o gennaio 1945)
.

Nel 1908 emigra a Zurigo e per motivi di ordine famigliare e di salute ritorna in Italia per brevi periodi. Nel 1926 è colpito da mandato di cattura per diserzione per non aver risposto alle armi del 28.10.1918!  e da questa data viene schedato dalla polizia italiana e iscritto alla Rubrica di frontiera.
Abita sempre a Zurigo, fa parte dell'antifascista Lega della libertà, costituitasi nel gennaio 1926. Nel 1928 è sospettato dalla Regia Legazione di Berna di far parte di un complotto anarchico per attentare alla vita del duce ordito con Rusconi Giovanni Orsini, cittadino svizzero (?). Nel 1931 è segnalato da fonte fiduciaria alla Divisione affari generali di Roma come militante anarchico, abitante a Zurigo, amico intimo di Bertoni.
Nel novembre 1933 si reca a Parigi (accanto ad altri compagni provenienti dalla Svizzera come Ludovici*, Bulzamini*, Spotti*) per fondare la Federazione anarchica dei profughi italiani  (FAPI) - organizzazione di sintesi -che stamperà un proprio giornale Lotta Nuova.

Giuseppe Guelfi, anarchico pentitosi nell'aprile 1934 (che racconta la sua vita politica di militante anarchico alla polizia fascista e descrive posti, dice nomi di anarchici e descrive la composizione del movimento anarchico, presentato al Ministero dell'Interno) cita Rusconi Guido che lo ospitò a Zurigo nella sua abitazione. Oltre a Rusconi e Sporti [SPOTTI] Giuseppe, piemontese, residente in Holstrasse 206, dice che costoro “sono tra i maggiori esponenti” e ricorda pure Luigi Frigerio, romagnolo muratore di 48-50 anni e di un tale che chiamano “Barba”, sardo [Tomaso Serra*]. La sede del gruppo è presso la Cooperativa socialista e “posso assicurare che detto gruppo si trova in buone condizioni finanziarie”. "Si ricorda che il Rusconi gli disse che Schirru e Sbardellotto, aiutati finanziariamente ed avviati in Italia e che lui era l'anello di ricongiunzione fra New York-Parigi-Livorno...".

Nell'aprile-maggio 1935, La Lega della Libertà promuove manifestazioni di protesta e indice riunioni e comizi a Zurigo, Basilea, ed in altre città elvetiche, contro il fascismo e la guerra in Etiopia: tra gli organizzatori anarchici di spicco vi sono Rusconi, Giuseppe Spotti*, Francesco Armanni, accanto ai socialisti Giuseppe Armari, Domenico Armuzzi, i massimalisti Francesco Lezzi, Gino Giuliato, Pietro Cattaneo, i repubblicani Luigi Casadei e Ferdinando Schiavetti.
Nell'aprile 1940 Rusconi compare in una lista di antifascisti residente ancora a Zurigo.

"Uno dei più fidi militanti, dalla retta e salda fede mai smentita". "Sempre presente a tutte le iniziative, a tutti i tentativi, a tutte l'opere miranti all'emancipazione umana morale e materiale, dalla prima gioventù fino a poche settimane prima dell'immatura fine" (Dal discorso di Bertoni alla cremazione, Ginevra, tratto dal Risveglio, gennaio 1945).

FONTI:
GB // Alberto Gotti e Albino Bertuletti, "Alle origini dell'anarchismo bergamasco", 2006 // Risv. gennaio 1945 // Ministero dell'interno, div. polizia politica, Roma 27.4.1940 // Casell. pol. centr. Roma //



CRONOLOGIA: