Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 16/06/2019 - 11:43

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

RALLI (RALLY) Zamfirij Konstantinovic (ROULEFF, ARBORE)
Studente in mdedicina

Bessarabie/Cernauti 4.11.1848 - Bucarest 2.4.1933
Di origine rumena.

Prende parte al movimento degli studenti di Pietroburgo. Ispirato inizialmente da Buonarroti, conosce Necaev e poi Bakunin in Svizzera nel 1871/1872 e  diventa membro dell'Alleanza internazionale della democrazia socialista. Iscritto all'UNI di Zurigo /ZH dal 1871 al 1873 in medicina.
Il 15.9.1872 con Schwitzguébel, Bakunin, Guillume, con il nome di Rouleff è uno dei partecipanti al congresso tenuto dalla FG a Saint-Imier, dove rappresenta con Waldemar (Vladimir) Holstein la sezione slava di Zurigo.
Sottoscrive con altri russi (Arman Ross, Smirnof, Agaref [o Ogaref], Ozerof, Holstein, ecc.) una lettera di protesta - 4.10.1872 - contro l'esclusione di Bakunin dall'Internazionale (decisione del Congresso dell'Aia).

Da Zurigo risiede a Ginevra /GE dal 1873.
Con i dissensi personali con Ross, e quindi anche con Bakunin (1873), farà parte del gruppo dei “giovani bakuninisti” (membro della Fratellanza fino all'agosto 1873), che costituisce una tipografia a Ginevra, pubblicando il 1. settembre 1873 il primo opuscolo “Ai rivoluzionari russi”, simile alle idee anarchiche di Bakunin. Con Zukovskij e El'snic pubblica in russo “La Comune di Parigi”, comunità rivoluzionaria degli anarchici russi (senza luogo ma stampato a Ginevra nel 1874). Sempre in questo gruppo pubblica Rabotnik (Il lavoratore) periodico mensile con il sottotitolo "Gazzetta degli operai russi" dal gennaio 1875 fino agli inizi del 1876, che prendeva nettamente posizione contro ogni tendenza costituzionale o parlamentare, che indicava ai lavoratori "togliete le fabbriche ai padroni! Prendete la terra e distribuitela tra i contadini! Eliminate il governo! Sbarazzatevi dei possidenti! Non ricostruite lo stato! Organizzate una federazione di Comuni contadine e di nuclei industriali!", ricevendo corrispondenze anche da centri operai, per es. da Odessa.
Scrive e pubblica nel 1875 un libro piccolo di formato ma fitto di ben 530 pp intitolato “I sazi e gli affamati” (Ginevra 1875) che costituisce una vera e propria enciclopedia del Populismo anarchico, chiarendo la linea politica della Prima Internazionale. La tipografia Robotnik, Chemin de Montchoisy di Ginevra, pubblica a fine 1876  un almanacco “La Commune, Almanach socialiste pour 1877" con articoli di Elisée Reclus, Arnould, A. Clémence, Elie Reclus, Schwitzguébel, Ralli, Gambon, El'snic (che firma con A. Oelsnitz).
Nel 1878 pubblica sempre con Zukovskij il periodico Obscina.

Rientra in Russia, poi si stabilisce in Romania, rimanendo fedele ai gruppi rivoluzionari.
Sembra si diventato come Zamfiri Arbore (cognome della nonna) senatore per la Bessarabia insegnando alla Scuola superiore di guerra. Grazie alla figlia Ecaterina Arbore, agente del Komintern a Mosca, riesce a pubblicare nel 1931 alcuni capitoli dei suoi ricordi su Bakunin e Necaev, con il suo vecchio nome di Ralli.


Complément: De retour en Roumanie, bien qu'il soit resté fidèle aux groupes révolutionnaires russes, il devint sous son nom de Zamfir Arbore (le nom de sa grand-mère) en 1920 sénateur pour la Bessarabie et enseigna à l'Ecole supérieure de guerre.
C'est grâce à sa fille Ecaterina Arbore, agente du Komintern à Moscou, qu'il a pu y publier en 1931 quelques chapitre de ses souvenirs sur Bakounine et Netchaiev, sous son ancien nom de Z. K. Ralli.

FONTI:
GB / ME // Guillaume // DIMA // Venturi, "Il populismo russo" // Sam Dolgoff, "Bakunin e l'anarchismo russo", in Bakunin oggi, Antistato 1977 // Encyclopédie des familles boyares de Moldavie et de Roumanie, http://www.revista22.ro/html/index.php?nr=2005-02-04&art=1477 //



CRONOLOGIA: