Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 19/09/2020 - 19:10

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

MONATTE Pierre (Ps: LÉMONT Pierre)
correttore di bozze




Monlet 15.1.1881 – Parigi 27.6.1960.

Suocero di Amédée Dunois (ps di Catonné)

Nel 1904 Emile Pouget lo introduce nel Comitato confederale della CGT come rappresentante della Bourse du Travail di Bourg-en-Bresse.. Al Congresso internazionale anarchico di Amsterdam dell'agosto 1907, prende l'occasione di esporre completamente il suo concetto di sindacalismo rivoluzionario [autosufficiente] e avrà luogo un dibattito serrato con Malatesta...

Si reca a Losanna /VD nel 1907 e nel 1908 per delle conferenze alla Maison du Peuple. Al Primo maggio 1908 a Ginevra è oratore in lingua francese, accanto a G. Devincenti (in italiano) e Fritz Brupbacher in tedesco.
Nel 1908 per sfuggire al mandato d'arresto contro i militanti della CGT nella vicenda di Villenueve-Saint-Georges, si rifugia in Svizzera per qualche mese con lo pseudonimo di Louis Baud dove ha contatti con Jean Wintsch a Losanna, Schneider a Friborgo, Friedberg ad Ascona, Schwitzguébel figlio a Bienne, e si stabilisce per un mese da Brupbacher  e Tobler a Zurigo. Nel settembre 1908 è presente con James Guillaume al Congresso della FUOSR di Nyon /VD.

Rientrato a Parigi, fonda nell'ottobre 1909 La Vie ouvrière (cui collaborano anche Wintsch, Brupbacher, Guillaume).
Opposto all'Unione sacra, dimissiona nel 1915 dalla CGT. Leader dell'opposizione interna, crea nell'aprile 1919 i Comités syndicalistes révolutionnaires in seno alla CGT. Raggiunge il Partito comunista francese nel 1923, poi espulso con Boris Souvarine e Alfred Rosmer nel novembre 1924, nel corso di una purga della "sinistra" del partito. Fonda a Parigi nel gennaio 1925 la rivista La Révolution prolétarienne, rivista mensile sindacalista-comunista, che ha un'udienza "morale" presso i sindacalisti e militanti della sinistra tra le due guerre, una lotta contro il capitalismo e l'evoluzione dell'Unione sovietica, diventata chiaramente una dittatura.

FONTI:
GB / ME / Maitron [http://biosoc.univ-paris1fr/frameset/maitron_dico.htm] / Préface a "Socialisme et liberté" di F. Brupbacher, Neuchâtel 1955 /



CRONOLOGIA: