Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 22/09/2020 - 16:09

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

MEDRI Antonio Giovanni

Sarto



con la moglie Elena 

 

Gatteo (FO) 23.6.1890 - Zurigo ZH 21.4.1978.
Sposato a ZH il 19.8.1930 con Elena Maria Testa (nata il 19.8.1897)
 

In Svizzera dal 1913, membro del Gruppo anarchico di Zurigo almeno dal 1918 o 1919.
Abbonato regolare e sottoscrizioni al Risveglio anarchico dal 1920 al 1928;  morte del padre in Italia in Réveil 4.2.1928; contribuisce pure a Pensiero e libertà in Risv. 22.12.1923; pro vittime insurrezionali in Risv. 18.9.1920.

Fervido antifascista fu fondatore della "Mansarda", della Scuola libera italiana, animatore sin dall'inizio, e presidente onorario, della colonia di Zurigo e poi nel dopoguerra presidente della Federazione delle colonie libere italiane (FCLI) tra il 1958-1971.

Gestiva a Zurigo in quanto sarto un negozio di abbigliamento.

Risulta ancora schedato dall'Italia con altri sovversivi nel 1940.

 

I funerali di un socialista (Libera stampa - 28.4.1978)

Nel pomeriggio a Zurigo, alle ore 14, al crematorio Nordheim, si svolgono i funerali di Giovanni Medri. La sera, alla Casa d’Italia si terrà una pubblica onoranza.
Giovanni Medri (88 anni), sociali­sta, era il presidente onorario della federazione delle colonie libere italia­ne in Svizzera. Se n'è andato dopo breve malattia: una di quelle che non lasciano più alzarsi dal letto. L’hanno assistito il figlio Mario e tutti i suoi “figli e figlie” delle colonie lbere.
Non era soltanto il presidente e il pioniere, un omaggio e un simbolo, era il punto di riferimento unitario e la figura paterna della principale associazione dell’emigrazione italiana.
Giovanni Medri arrivò in Svizzera il primo marzo 1913. Qui ha fatto una stagione e un’esperienza durate una vita. Sarto di professione, non ha soltanto cercato clienti da vestire e fatture saldate puntualmente. Socialista d’istinto, di quelli col cuore, non di coloro che ci ragionano sù, poiché sanno che bisogna mettersi dalla parte di chi sta peggio e combattere sempre contro le ingiustizie, si è buttato in politica durante gli anni difficili. Non s’è limitato a votare o a ritirare la tessera. E’ stato militante antifascista, “contro” nell’azione non soltanto a parole. Ha collaborato a fondare diverse associazioni antifa­sciste: il club la Mansarda, la scuola libera e la colonia libera.

Nel dopoguerra, ha collaborato a rilanciare la federazione delle colonie libere italiane, di cui è stato presi­dente dal 1958 al ’71. Negli anni della pensione si è fatto da parte ma non si è tirato indietro: ha gestito l’assistenza italiana, l’ente di solidarietà con gli emigrati bastonati dalla vita.
Nel 1976, gli è stato attribuito il premio Pestalozzi, con questa moti­vazione: “Giovanni Medri ha incarna­to, in tutta una vita spesa umilmente e coerentemente al servizio dell’emi­grazione, gli ideali di libertà, giusti­zia, fratellanza ed elevamento cultu­rale e spirituale, che hanno sorretto il processo storico del popolo italiano dal risorgimento alla resistenza”.


FONTI:

GB / Enzo Misefari / Ministero dell'Interno, div. polizia politica, Roma, No 500.11198, 27.04.1940 / [inserito come repubblicano nel Casell.polcentr. di Roma - non visionato] / Federazione colonie libere, Zurigo / Libera stampa, 28.4.1978, 30.6.1972, 11.10.1968, 5.3.1920, 28.4.1978 / Réveil 4.2.1928 + abbonamenti anni venti e trenta... vedi testo /




CRONOLOGIA: