Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 18/09/2020 - 18:53

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

MAZZOTTI Serafino (BOSCHIERO Filippo)
Barbiere

Faenza (RA) 20.6.1843 da Antonio e Giovanna Ossani - Faenza 3.4.1925

L'insuccesso del movimentato 1874 di Bologna consiglia a molti di scampare all'estero e Mazzotti si porta nel Canton Ticino al seguito di Bakunin, assumendo lo ps di Filippo Boschiero. Fa lavori di fatica nelle proprietà della Baronata di Minusio /TI, dove la moglie Maria [Marietta] Focaccia svolge lavori domestici. Tutti e due sono testimoni devoti degli ultimi anni di Bakunin, forse anche della lite tra il russo e Cafiero a causa dell'improvvise prodagalità del primo. Marietta segue Bakunin a Lugano/Besso, più tardi raggiunta dal marito. Questi, con il ciabattino Andrea Santandrea veste e sveste mattina e sera il corpulento leader ...Lo assistono praticamente fino alla morte. Rimasto a Lugano durante l'avventura del Matese, nel 1880 si stabilisce a Ginevra. Riprende il mestiere del barbiere e con Marietta mette al mondo due figlie. Casa sua accoglie Andrea Costa e Anna Kuliscioff, Benoît Malon, Bernstein, il mecenate Höcheberg (finanziatore di giornali del movimento anarchico europeo).
Nel 1883 torna a Faenza. Ospita più volte la moglie di Cafiero, Olimpia, quando Cafiero è degente all'ospedale psichiatrico di Imola. Nel 1890 è tra i firmatari della convocazione del Congresso anarchico , poi svoltosi a Capolago nel gennaio 1891. Dal 1894 al 1895, dal 1897 al 1899 dovrà soggiornare al domicilio coatto a Ponza e Pantelleria. All'inizio del Novecento aderisce alla Camera del Lavoro faentina mediante la Lega dei barbieri.
Malatesta gli dedica su Pensiero e volontà un commosso ricordo: "Mi è morto un fratello".


FONTI: DBAI


CRONOLOGIA: