Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 17/09/2020 - 18:50

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

MANFREDI Giuseppe Pacifico
Panettiere, scrivano, agente di commercio

Cilavegna (PV) il 22.2.1883 da Luigi e Pacifica Omodeo Zarini – Si ignorano data e luogo di morte.

Alla fine del 1902 collabora al Il Grido della Folla, sotto lo ps di Virgulto, Pacifico, Rama. Nel 1903 si trasferisce a Milano, entra in rapporti con Ettore Molinari, Nella Giacomelli e Oberdan Gigli, che costituiscono il nucleo promotore del giornale. Quando nel 1906 il dissidio tra il vecchio nucleo del periodico milanese e Giovanni Gavilli diventa sempre più acuto, Manfredi con Molinari, Giacomelli, ecc. danno vita a un nuovo periodico, La Protesta umana.
Nell'estate 1908 per sottrarsi a un nuovo arresto per l'accusa di violenza agli agenti di polizia, ripara a Lugano /TI e poi si stabilisce a Chiasso /TI, dove lavora come scrivano e mantiene i contatti con i compagni milanesi.
Rientra in Italia nel marzo 1911, riprende l'attività di panettiere, poi come agente di commercio; si allontana dal movimento dopo il primo conflitto mondiale.

FONTI: DBAI


CRONOLOGIA: