Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 22/09/2020 - 16:09

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

MEGGIOLARO Rodolfo (Lallo)

installatore di caldaie, venditore ambulante



 

Abano (Italia) 10.8.1901 da Antonio e Carlotta Selmin - Sigüenza (Spagna) ottobre (?) 1936.
Sposato a Basilea BS con Maria Boschetti (9.4.1906 - originaria di Fescoggia TI); figlio nato il 20.7.1932

Parte per il servizo militare nel 1920 a Genova, poi nel 1922 "messo in prigione...imputato per furto a danno dell'amministrazione militare": 3 mesi di gattabuia. Emigra in Francia, a Lione, dove lavora come installatore di caldaie. Nel 1923 arrestato con l'anarchico Dario Fieramonti*, accusati di aver malmenato il fascista italiano Gaetano Treviso; dell'aggressione viene giudicato solo Meggiolaro, condannato nell'ottobre 1923 a 2 mesi di prigione. Poi espulso dalla Francia, si reca in Belgio a Anversa. Rientra a Abano nel 1924 e ritorna in Francia, Parigi... nuovamente espulso nel 1926. In seguito con passaporti falsi si recherà ancora in Belgio, Germania nel 1927, Olanda, Lussemburgo... espulso con l'anarchico Eugenio Girolo*.

Nel maggio 1930 è a Basilea BS, conosce in casa dell'anarchico Ferdinando Balboni* la vedova Maria Boschetti, con cui avrà un figlio nel 1932. Ma già nell'estate 1931 sarà espulso: "perturbatore della pubblica tanquillità" (?).

Nuovamene a Parigi, nel 1933 risulta a Barcellona, poi a Madrid. Nel 1936 risulta in una colonna di miliziani della CNT. Il 4 agosto 1936 scrive da Alacalà de Henares una lettera a Luigi Bertoni di Ginevra.
Ferito in combattimento a Sigüenza nel settembre 1936, ucciso in ottobre all'ospedale dai falangisti.


FONTI:

GB // Estratto dalla biografia di Maggiolaro, curata da Dario Verdicchio in "Terra e storia", VI (2017), 11, pp. 189-236 /




CRONOLOGIA: