Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 18/09/2020 - 18:34

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

MASOTTI Tullio

Cappellaio



 

 

Falerone (Italia) 1886 -

Aderisce a Parma nel 1907 al sindacalismo rivoluzionario, nominato vice-segretario della locale Camera del lavoro. Nel giugno 1909 deve rifugiarsi a Nizza poi a Lugano TI a causa del grande sciopero agrario.

Potrà rientrare a Parma (assolto con altri dalla Corte di Assise di Lucca).
Promuove iniziative di lotta, tra cui quella contro la guerra Italo-Turca, poi sarà direttore de L'Internazionale e nel 1912 è tra i fondatori dell'Unione sindacale italiana (USI - sindacalista rivoluzionaria). Nel 1914 si schiera su posizioni interventiste e si dimette dalla carica ed esce dall'USI. Dal 1918 al 1925 dirige e pubblica il quotidiano Il piccolo di tendenza democratica, antibolscevica e antifascista. Negli anni '40 si avvicina a Giustizia e Libertà. Nel dopo guerra aderisce al Partito socialista.


FONTI:

GB // Cento anni di storia operaia: la Camera de lavoro di Sestri P. e l'USI, 2015 /




CRONOLOGIA: