Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 11/12/2019 - 14:56

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

BOCCARDI Ugo Giuseppe (“Ramella”)
Vetraio, terrazziere.

Sarzana (SP) 17.3.1888 da Lorenzo Giuseppe e Chiara Spadaccini - Tolone metà anni ’70.

A Sarzana aderisce dagli inizi del secolo alla Lega dei vetrai aderente alla Camera del Lavoro di La Spezia, collabora a Il Libertario, promuovendo la costituzone del Circolo anarchico di Studi sociali.
Da marzo a settembre 1912 emigra per motivi di lavoro in Svizzera.
Allo scoppio della guerra viene arrestato nel marzo 1915 per propaganda sovversiva. L'anno successivo è richiamato alle armi e inviato in Albania, poi rimpatriato perché anarchico. Durante il Biennio rosso è tra i protagonisti delle agitazioni operaie in qualità di rappresentante sindacale dell'USI. Con altri costituisce gli Arditi del Popolo a Sarzana. Accusato di aver ucciso 2 fascisti, si rifugia nel 1922 a Marsiglia (condannato in contumacia a 30 anni di reclusione e  a 10 anni di vigilanza speciale). Continua la sua attività di militante e all'inizio degli anni Trenta viene espulso. Si dà alla macchia e riesce a rimanere in Francia. Allo scoppio della Rivoluzione spagnola, si occupa principalmente dell'invio di volontari. Nel 1940 si dà alla clandestinità, ma viene catturato, internato a Vernet, ed espulso in Italia. Rinchiuso nelle carceri di La Spezia per espiare 11 anni, viene liberato alla caduta del fascismo nell'agosto 1943. Entra nella Resistenza. In seguito è delegato del gruppo Germinal di Sarzana al I Congresso della FAI del settembre 1945 e della Federazione anarchica Val di Magra al II Congresso di Bologna nel marzo 1947.


FONTI: DBAI


CRONOLOGIA: