Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 18/09/2020 - 21:04

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

CHIOSTERGI Giuseppe
Segretario, insegnante, direttore didattico, deputato



Senigallia 31.8.1889 - Ginevra 1.12.1961
.

Repubblicano, protagonista della Settimana rossa. Nel 1914 si reca in Francia per combattere con i volontari garibaldini nella I guerra mondiale. 
Ferito nelle Ardenne, è internato a Ginevra, dove risiede dal 1916.
Segretario della Camera di commercio italiana in Svizzera, nel 1926 viene licenziato dal governo fascista per motivi politici. Dignitario della loggia massonica "Fidélité et prudence" di Ginevra dal 1930, è militante attivo della LIDU (Lega italiana dei diritti dell'uomo). Insegna al liceo di Ginevra, e diventa uno dei principali animatori del movimento antifascista ginevrino, tra i fondatori delle Scuole italiane (di cui è direttore didattico e segretario), della Società Dante Alighieri, sostenitore della casa per vacanze estive a Saint-Cergues-les Voirons in Alta Savoia, membro del gruppo dirigente del Partito repubblicano italiano. Nel 1943 è tra i fondatori - con Schiavetti - delle Colonie libere italiane in Svizzera.
Aiuterà diversi fuorusciti: per esempio assieme a Luigi Bertoni sosterrà in diversi modi Nino Napolitano*, clandestino per diversi anni a Ginevra.
Nel secondo dopoguerra ritorna in Italia, è deputato all'Assemblea costituente, diventa sottosegretario per il commercio con l'estero (dal '46 al '47). Più tardi rientra definitivamente a Ginevra.

FONTI:
GB // DSS / Giovanni Mari, "Giuseppe Chiortergi" in Spiriti liberi in Svizzera. La presenza di fuorusciti italiani nella Confederazione negli anni del fascismo e del nazismo, Franco Cesati Firenze 2006 /



CRONOLOGIA: