Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 18/09/2020 - 21:04

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

CAVALLI Baldo Bixio
Calzolaio

Scarlino (GR) 27.1.1887 – Livorno verso la metà degli anni Cinquanta

Nel 1908 partecipa alla fondazione del Circolo rivoluzionario di studi sociali del suo paese e nel 1911 alla costituzione del Gruppo anarchico locale. Collabora a diversi fogli anarchici e fino al 1912 è segretario della Federazione anarchica maremmana.

Richiamato alle armi nel 1915 diserta ed emigra clandestinamente in Svizzera, stabilendosi a Bellinzona /TI e mantenendosi in contatto con Giovacchino Bianciardi, Giovanni Fassina, Sandro Conconi, Roberto Rizza e altri refrattari e disertori che si trovano nella Repubblica elvetica (in part. a Zurigo). Nel 1918 appare come socio della Camera del lavoro di Bellinzona, e pure nominato membro di in una commissione della stessa.

Rientrato in Italia nel novembre 1919, viene denunciato con l'accusa di aver partecipato il 10 dicembre all'assalto delle abitazioni di alcune famiglie benestanti scarlinesi. Nell'ottobre 1920 denunciato per aver occupato con altri compagni la chiesa di San Martino, reclamata dalla popolazione locale per farvi un teatro. Nel luglio 1921 abbandona Scarlino ormai in mano ai fascisti e si rifugia con moglie e figlio a Livorno, dove fa parte sino al 1923 del Comitato anarchico pro vittime politiche. Fermato il 9 maggio 1938 in occasione di Hitler a Firenze. Arrestato nell'ottobre 1939 dopo il ritrovamento a Livorno di un certo numero di volantini antifascisti.
Nel Secondo dopo guerra è membro del Partito comunista.

FONTI:
GB // DBAI // Libera Stampa, 1918-1919 //


CRONOLOGIA: