Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 18/09/2020 - 21:04

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

CIULLI Anchise
Fornaio


Prato (FI) 15.11.1882 da Romualdo e Giacomina Bavari - Prato, 22.2.1957.

Dapprima militante del Partito socialista, poi anarchico. Già segnalato alla prefettura come un "settario attivo e fervente".
Attivo anche negli scioperi nel 1906 ed in pubbliche conferenze. Nel 1907 attivo nella campagna pro Acciarito. Nel 1908 in un comizio sulla legge per il riposo settimanale e festivo, nel 1909 polemizza sul settimanale anarchico milanese La protesta umana con il repubblicano Giuseppe Meoni in favore dell'attentato di Bresci, sempre nel 1909 attivo all'agitazione pro Ferrer.

Ricercato dalla polizia si rifugia in Grecia, poi in Svizzera: il 1.8.1911 venne estradato in Italia dalle autorità elvetiche e tradotto a Firenze a disposizione della procura.

Dimesso dal carcere nel 1914 di Cagliari, si sposa con Velia Nardi. Arrestato nel maggio 1915 con l'accusa di istigazione a delinquere in uno sciopero contro la guerra. Viene richiamato aller armi e nel febbraio 1916 il tribunale militare di Firenze lo condanna a 5 anni di reclusione per diserzione e insubordinazione.
In seguito si rituffa nell'attività politica, oratore in manifestazioni per il ritorno di Malatesta, nello sciopero generale di protesta contro l'ecccidio di Decima di Persiceto, nella festa dei lavoratori, nel 1921 parla a nome del gruppo anarchico nel corso di un comizio pro Sacco e Vanzetti.
Processato nel 1922 con altri per l'uccisone di Florio, il capo dei fascisti pratesi, e il 2 febbraio 1924 condannato a 16 anni e 8 mesi di reclusione, poi amnistiato nel 1925 (?).
Nel secondo dopoguerra riprende l'attività.

FONTI:
GB // Alessandro Affortunati in "Fedeli alle libere idee - Il mov. anarchico pratese dalle origini alla Resistenza", Milano 2012 //



CRONOLOGIA: