Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 11/09/2019 - 17:28

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

ROTA Gustavo Leopoldo Alfredo
Sarto


Mirandola (MO) 24.9.1876 da Narciso e Adelina Secondini - Non si conosce...

Affiliato al Partito socialista e fine Ottocento emigra a Marsiglia ed in seguito segnalato come anarchico pericoloso dal Consolato italiano. Nel 1900 firma un appello sul periodico "L'Agitazione" con altri compagni del Gruppo italiano di Marsiglia, in solidarietà ai compagni anconetani. Nel settembre viene espulso dalla Francia; durante la perquisizione domiciliare gli venono sequestrati scritti, giornali sovversivi e una rivoltella carica.
Tuttavia ritorna clandestinamente in Francia dopo qualche mese, raggiunto dal fratello Oberdan e la madre.

Nel 1903 si allontana da Marsiglia per evitare l'arresto per contravvenzione al decreto di espulsione e si trasferisce a Losanna /VD con il fratello, la sua amante e suoi due figli.
Disertore di guerra il 28 maggio 1924 viene amnistiato dalla condanna ad 1 anno di reclusione militare. Dal 1925 secondo la polizia non svolge attività politica, anche se continua a manifestare apertamente la sua contrarietà al regime. Iscritto alla  Rubrica di frontiera, nel 1931 il ministero dell'Interno richiede la rettifica della precedenza segnalazione con il provvedimento "da fermarsi e perquisire".

FONTI:
GB // Andrea Pirondini, "Anarchici a Modena. Diz. biografico", Zero in condotta, Milano 2012 // Casell. politico centrale, Roma //



CRONOLOGIA: