Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 22/11/2020 - 19:28

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

ZEZIOLI Giuseppe
Meccanico

Bergamo 25.6.1863 da Giuseppe e Angela Gadotti -

Nel 1887 è a Brescia, lavora presso la società Tombini, è in contatto con anarchici di molte città d'Italia e dell'estero, fa parte del circolo anarchico La Rivolta. Riceve e spedisce vari giornali sovversivi ; a scopo di propaganda invia e distribuisce stampati anche tra i militari dell'esercito.
Le maggiori conoscenze le ha in Svizzera, particolarmente fra gli anarchici di Lugano /TI. Nell'aprile 1892, rientrando dalla Svizzera, porta numerosi opuscoli anarchici, diretti ai soldati, dal titolo "Dialogo fra tue militari Giorgio e Silvio" di Emilio Silvieri, che vengono diffusi tra i militari della guarnigione di Brescia. Scoperto è condannato il 17 giugno 1892 a 100 giorni di reclusione.
Poi si trasferisce a Como, tenendo conferenze pubbliche e private sulla Questione sociale.
Ricercato da diverse prefetture italiane, nel novembre 1894 è "rintracciato" a Bellinzona /TI quando si presenta al Consolato d'Italia per chiedere il passaporto per l'estero. Colpito da mandato di cattura della Commissione provinciale di Como, il console lo fa arrestare dalle autorità svizzere, che lo consegnano alla polizia italiana alla frontiera di Chiasso: verrà assegnato al domicilio coatto per 5 anni a Porto Ercole.
Nell'ottobre 1902 emigra in Francia.

FONTI:
Bertuletti e Gotti in "Alle origini dell'anarchismo bergamasco", Bergamo 2010 /


CRONOLOGIA: