Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 16/06/2019 - 11:43

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

RIGAMONTI Angelo Giuseppe
Tipografo

Bergamo 4.5.1877 da Marcello e Clementina Scarpellini -

Si trasferisce a Roma per motivi di lavoro e nel 1899 frequenta repubblicani, socialisti, anarchici, iscrivendosi poi al partito socialista-anarchico locale. Ricopre l'incarico di vice-segretario nella società dei tipografi (Federazione del libro). Viene arrestato il 1.8.1900 con altri anarchici in Piazza Colonna per avere emesso grida sediziosi ed aggredito alcuni monarchici durante una manifestazione di cordoglio per l'uccision di Re Umberto I. Il 12 settembre il Tribunale di Roma lo condanna a 1 mesi di carcere, ma poi viene assolto per mancanza di prove.
Detenuto per 4 mesi per un furto a Bergamo, poi abita a Milano.
Nell'agosto 1903 si sposta in Svizzera.  Nel 1904 risulta in Riviera Ligure, Genova... nel 1905 a Locarno /TI presso il ristorante S. Antonio.
Dal 1912 al 1924 lavora alla tipografia Barbieri di Turro Milanese. Nel maggio 1914 è gerente del periodico "La difesa della lavoratrici"edito a Milano. A novembre è sottoposto a procedimento penale per un art. apparso sul giornale del 14.9.1913 con il titolo "Voci dalle officine e dai campi".
Nell'ottobre 1932 è incluso in un elenco di persone "da arrestarsi in determinate circostanze".

FONTI:
Bertuletti e Gotti in "Alle orgini dell'anarchismo bergamasco", Bergamo 2010 /


CRONOLOGIA: