Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 18/09/2020 - 21:04

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

CIMNAGHI Giovanni
Tipografo - negoziante

Bergamo 14.10.1872 da Pasquale e Rachele Tassetti - Milano 14.9.1940

Dapprima socialista, nel 1898 partecipa ai moti rivoluzionari di Mialno, dove viene arrestato.
Per sfuggire alle leggi eccezionali, ripara a Lugano /TI, aderendo all'anarchismo.
Rientrato in Italia ed essendo un buon parlatore, si dedica ad una vigorosa propaganda anarchica, tra i compagni di lavoro, nei pubblici servizi e nei ritrovi. Compie parecchi viaggi in Svizzera anche con altri compagni, in particolare per tenere collegamenti con altri anarchici esuli a Lugano.
Emigra nel 1899 a Buenos Aires, collaborando a L'Avvenire, inviando giornali e stampe in Italia. Espulso dall'Argentina per la sua partecipazione a moti rivoluzionari, si trasferisce in Brasile, a San Paolo ed arrestato nel dicembre 1902 in casa dell'anarchico Tobia Boni, poi rilasciato e diffidato. Rientra in Italia, a Milano nel 1903. Nel 1908 aderisce al Partito soicliasta e fa parte della Camera del Lavoro. Nel 1916 si trasferisce a Calco (Co) poi a Merate, diventa direttore della Stamperia Unione Cooperativa di Milano. Nel corso del primo conflitto diventa interventista e poi "sostiene i partiti dell'ordine".

FONTI:

Bertuletti e Gotti, "Alle origini dell'anarchismo bergamasco", 2010 /



CRONOLOGIA: