Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 19/09/2020 - 19:10

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

MONALDESCHI Paolo Angelo
Operaio, muratore

Bologna 27.11.1874 (di genitori sconosciuti, forse Angelo e Serafina Vinchienti?) - Tremiti 14.8.1938.

Nel 1898 emigra in Svizzera a la Chaux-de-Fonds NE.
Il Ministero pubblico della Confederazione nel novembre 1903 comunica che ha lasciato Losanna VD all'inizio di novembre 1903, abbandonando il suo passaporto: forse si trova a Friborgo FR o a La Chaux-de-Fonds NE.
Il 7-8 agosto 1904, nel corso di uno sciopero a la Chaux-de-Fonds di manovali ed edili con l'intervento di un battaglione, viene arrestato e poi espulso dalla Svizzera con decreto del Consiglio federale del 13.8.1904 (assieme a Zappa Angelo-Fedele, Varini Riccardo, Erbetta Giovanni-Antonio, Merlotti Ferruccio - vedi Merlotti* per altre precisazioni).

Si trasferisce in Germania e sempre nel 1904 [?] subisce una nuova espulsione per lo stesso motivo. Si reca in Francia, rimanendovi fino al 1936, subendo la terza espulsione per motivi politici.
Rientra in Italia, domicilandosi a Forlì. Viene arrestato il 9.4.1937 per avere "svolto opera di disfattismo politico ed economico" e assegnato al confino per tre anni alle isole Tremite, dove morì.

FONTI:

GB // Decreto del Consiglio federale del 18 agosto 1904 // Circolare del 20.11.1903 del Ministero pubblico della Confederazione alle autorità cantonali di polizia // T. Marabini (tratto dal Dizionario biografico "Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel bolognese") // Risv. 27.8.1904 //



CRONOLOGIA: