Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 18/09/2020 - 21:04

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

MASEREEL Frans

silografo, pittore, traduttore



Peintre, graveur






Blankenberghe (Belgio) 30.7.1889 da Frans-Isaac e Pauline-Henriette Imhoff - Avignone 3.1.1972.

Brillante studente, prende precocemente coscienza dell'ingiustizia sociale e nel 1908 lascia l'Accademmia di belle arti di Gand. In seguito viaggia, si reca in Inghilterra, Germania e la Tunisia, scopre Parigi nel 1910 e l'incisione su legno (1911).
Durante la mobilitazione del 1914 si rifugia a Ginevra, illustra libri e riviste pacifiste come La Feuille in cui offre 1000 illustrazioni e fonda con Salives / Le Maguet  la rivista pacifista/tolstoiana Les Tablettes (1916-1919) pubblicata pure a Ginevra. Nel contempo è traduttore per la Croce rossa. Stringe amicizia con Romain Rolland e Stefan Zweig.
Ritorna in Francia nel 1922.
Negli anni Trenta aderisce al comunismo - benché assai critico - tramite l'Associazione degli scrittori ed artisti rivoluzionari, effettua viaggi in URSS nel 1935 e 1936. Nel 1950 ottiene il Grand Prix International de la Gravure alla Biennale di Venezia. Nel 1956 di nuovo in URSS e nel 1958 si reca in Cina e nel 1959 assiste a una grande esposizione organizzata in suo onore a Pechino.
Illustratore di libri di Victor Hugo, Tolstoi, Oscar Wilde, Charles de Coster, Walt Whitman, Tagore, Vildrac, Romain Rolland, Zweig, ecc.

"Nonostante il recupero operato dai partiti comunisti russo e cinese dell'opera di Masereel, e benché egli non abbia fatto nulla per dissipare l'equivoco dei suoi rapporti con questi due paesi, "L'idée" [...] è fondamentalmente libertaria" (Michel Ragon)

Alcune raccolte di incisioni (storie senza parole):
Les morts parlent (1917)
Debout les morts (1917)
Révolte des Machines (33 incisioni)
La ville (1925 - 100 tavole)
L'idée (1927 - 83 silografie - ripubblicata con prefazione di Hermann Hesse e introduzione di Michel Ragon da Nautilus, Torino 1984 )
(Jean Crhistophe di Rolland: 666 tavole- 1925-1927)




Né le 30 juillet 1889 à Blankenberge (Belgique) ; mort le 3 janvier 1972 à Avignon (Vaucluse).

Réfugié à Genève au début de la Première Guerre mondiale. Il offre un millier d'illustration au journal pacifiste La Feuille et, en octobre 1916,  participe avec Claude Le Maguet à la fondation de la revue pacifiste les Tablettes, d'inspiration anarchiste et marquée par la philosophie de la non-violence tolstoïenne.
Entre au Parti communiste dans les années trente.


FONTI:


GB / Intr. di Michel Ragon in L'idea (Nautilus, torino 1984) / DSS /




CRONOLOGIA: