Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 22/11/2020 - 19:28

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

ZO D'AXA (ps di GALLAUD DE LA PÉROUSE Alphonse)

Pubblicista, scrittore, poeta






Parigi 24.5.1864 - Marsiglia 30.8.1930.

Nel 1882 si ingaggia nell'esercito, ma poi diserta in compagnia della giovane moglie del capitano. Si rifugia a Bruxelles, dove debutta nel giornalismo.
Dopo un soggiorno in Svizzera, poi in Italia, rientra in Francia con l'amnistia del 1889.
Nel maggio 1891 pubblica il primo numero del settimanale L'Endehors, censurato dopo 91 numeri nel febbraio 1893. Dopo l'arresto di Ravachol e dei suoi compagni, Zo d'Axa lancia una sottoscrizione per aiutare le famiglie dei detenuti. Per questo verrà arrestato e subisce un mese di prigione a Mazas. Scarcerato, è di nuovo sotto mira dalle autorità e preferisce esiliarsi a Londra. In seguito viene espulso dall'Italia, raggiunge la Grecia, Costantinopoli. Il primo gennaio 1893 è arrestato a Jaffa e rimpatriato a Parigi dove subirà 18 mesi di carcere. Pubblica il libro "De Mazas à Jerusalem" che ottiene un grande successo. Nel 1898 pubblica La Feuille (1897-1899) illustrato da Steinlen, Luce, Willette, Hermann Paul, ecc. Il suo grande successo sarà la presentazione dell'asino nominato "Nul" alle elezioni e che, raccogliendo bollettini bianchi o nulli, sarà dichiarato eletto da la Feuille, dopo una bagarre memorabile nelle strade di Parigi, tra partigiani dell'asino e i partigiani dell'ordine. In seguito lascia la Francia e viaggia nel mondo intero, dalla Cina alle Americhe, passando dall'Africa, prima di fissarsi a Marsiglia, dove si toglie la vita.


FONTI:

GB // DIMA - Pensée et action No 35-36, Paris 1968 - Jean-Pierre Cout, "Endehors", éditions Champs libre, Paris 1974 //




CRONOLOGIA: