Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 18/09/2020 - 21:04

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

MINGUZZI Maria Luisa (Gigia)

Le celebrità internazionali in Ticino - OLTRECONFINITI (CAN ...

Ravenna 21.6.1852 da Michele e Chiara Raddi - Firenze 13.3.1911

Dopo il fallimento dei moti del 1874, si rifugia con il suo compagno Francesco Pezzi a Lugano /TI, e rientra con lo stesso a Firenze dopo l'amnistia dell'ottobre 1876.

Stabilitasi a Firenze nel 1876 con Assunta Pedoni e Amilia Migliorini stila un manifesto su La Plebe del 16 ottobre, considerato l'inizio del movimento femminile in Italia. In dicembre con il suo compagno si trasferisce a Napoli e partecipa attivamente all'organizzazione del moto del Matese. Guillaume ravvisa in lei la dama che accompagna Cafiero e gli altri quando a San Lupo si spacciano per signori inglesi; notizia comunque tutt'altro che certa.

Certo è, invece, il suo ritorno a Firenze, dopo qualche mese trascorso a Lugano /TI, all'indomani dell'amnistia del 19.1.1878.


Organizza con altri il Circolo di propaganda socialista tra operaie. Arrestata nell'ottobre 1878 nella retata che colpisce tutti i maggiori esponenti dell'Internazionale convenuti a Firenze. Rimane in carcere preventivo per 15 mesi, assolta con gli altri nel gennaio 1880. Con il suo compagno si reca con Malatesta in Argentina, rientra nel 1890. Nel 1894 con Francesco  Pezzi viene coinvolta in un fallito attentato contro Crispi. Arrestati nel luglio 1894, vengono prosciolti dal Tribunale di Roma nel mese di agosto 1895, poi inviati al domicilio coatto ad Orbetello. Riacquista la libertà nel 1896 e ritorna a Firenze.


FONTI:

GB // DBAI




CRONOLOGIA: