Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 18/09/2020 - 21:04

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

MATTHEY-CLAUDET Théodore Alfred


24.1.1887 -
Originario di Le Locle /NE.

 

Insegnante all'Ecole Ferrer di Losanna nel 1911-1912, dopo il licenziamento del primo insegnante Duvaud.
Arrestato a Ginevra al Primo maggio del 1912 perché "il brandissait une loque noire sur laquelle s'étalait l'inscription à la craie "Vive Bonnot" ["brandiva uno straccio nero sul quale ostentava la scritta in gesso "Viva Bonnot"]: in cella per 2 giorni.
Pubblica l'articolo "Pour les gosses" nell'Almanach du Travailleurs pour 1912 (Pully-Lausanne), edito a fine 1911 dalla Fédération des Unions Ouvrières de la Suisse romande (FUOSR).

Da J. Wintsch, La "Scuola Ferrer di Losanna":
...Ha fatto un lavoro che ben pochi sarebbero stati capaci di assicurare. Eravamo appena stati spossessati del materiale, custodito dai gendarmi e [Matthey] fu pertanto obbligato a tenere la maggior parte delle lezioni all'aperto, al museo, davanti ai magazzini, al mercato, nei cantieri e nelleofficine.... Aveva un'elasticità di spirito tale che seppe adattarsi a circostanze difficili che durarono diverse settimane, fino al ritrovamento del locale e del materiale sequestrato che ci permese di lavorare in seguito senza interruzione. Si diede la pena durante 15 mesi di insegnare in modo vivo. Ma l'insegnamento era troppo disordinato. Dopo il primo interesse si rivelò trasandato... Non progredì più, non seppe utilizzare i materiali. Gli sforzi si disperdevano ... Se ne andò in un istituto pedagogico dove poté far conoscere ciò che aveva imparato da noi, far apprezzare il frutto dei suoi primi e buoni tentativi".


 
Enseignant à l'Ecole Ferrer de Lausanne en 1911-1912, après le licenciement du premier instituteur Emile Duvaud. Il fut arrêté à Genève lors du Premier Mai 1912 parce qu’ "il brandissait une loque noire sur laquelle s'étalait l'inscription à la craie Vive Bonnot" (Gazette de Lausanne), et resta deux jours en prison.
Il a publié l’article "Pour les gosses" dans l'Almanach du Travailleur pour 1912 (Pully/Lausanne).
 

 


FONTI:

GB // Jean Wintsch, La Scuola Ferrer di Losanna 1910-1919, in "La Scuola Moderna", La Baronata 1980 // Gazette de Lausanne, 3.5.1912, 4.5.1912 e 7.5.1912 lettera di Matthey a la Gazette // Verzeichnis von Anarchisten..., agosto 1912, E21/14565, info di WP //




CRONOLOGIA: