Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 21/10/2021 - 09:41

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

IMONDI Giuseppe
Suonatore ambulante, dentista

Teano (CE) 10.4.1860 da Raffaele e Gennara Angelillo - Napoli, ottobre 1944

Trascorre l'infanzia in Grecia col padre e torna in Italia nel 1870, diventando anarchico come studente. Nel 1883 viene arrestato per porto abusivo di arma e nel 1889 per oltraggio al re durante la commemorazione di Oberdan. Nel 1892 si trasferisce a Marsiglia. Torna in Italia nel 1893 e viene condannato a 2 anni di carcere  per violazione di domicilio: evita l'arresto presentando domanda di grazia, ma a dicembre, coinvolto per errore nell'attentato a Montecitorio, si dilegua girovagando tra Francia e Svizzera.
Nel 1898 ottenuto il condono della pena, torna a casa e nel 1902 è a Napoli. Nel gennaio 1910 si iscrive al gruppo "Sorgete!". Nel 1916 desta l'allarme della Questura per i contatti con noti sovversivi e per un misterioso cifrario usato per comunicare. Nel 1918 è in contatto con militari che fanno propaganda contro la guerra. Nel 1919 presente al Congresso anarchico di Firenze, dove è nominato membro del Comitato diretto dell'UCAI. Nel maggio1920 fa parte del Congresso anarchico campano e nel giugno arrestato per resistenza ad agenti di polizia. Numerose le perquisizioni della polizia. Viene difeso da Bruno Misefari per delle controversie tra compagni e comunisti bordighisti della Camera del Lavoro. Nel 1935 si rifiuta di esporre il tricolore per salutare le truppe che partono per l'Africa orientale e si dichiara anarchico. Evita il confino per le pessime condizioni di salute. Nel 1941 è colpito da paralisi.

FONTI: DBAI


CRONOLOGIA: